Festival DELLA tv

TEMPI ESPONENZIALI

Tempi esponenziali è il tema che abbiamo scelto per l’edizione 2024 del Festival della TV nell’anno che celebra i 70 anni della Rai e della televisione in Italia.

Corre il tempo dei nostri giorni, corre con strappi improvvisi e ognuno di questi strappi genera un effetto moltiplicatore che non lascia la possibilità di respirare, di misurare la distanza percorsa, di cercare intorno a sé scenari familiari, di abituarsi al vorticoso incalzare dei cambiamenti.

Non è forse mai esistito un tempo rettilineo uniforme e la sensazione di progredire a piccoli passi, misurati e controllabili, è stata sempre solo un’illusione, ma non è mai esistito, come oggi, un presente che dura un istante, una velocità frenetica che non lascia spazio ad un qualunque tentativo di poterla padroneggiare.

Viviamo tempi esponenziali. La tecnologia ha letteralmente stravolto le nostre esistenze e lo sta facendo quasi azzerando le distanze tra le tappe del percorso evolutivo dell’umanità, concentrando in uno spazio temporale incredibilmente compresso mutamenti capaci di ridisegnare costantemente le nostre vite.

La velocità di questo cambiamento continuo, che pure riteniamo abbia principalmente effetti positivi, si riflette su tutti gli aspetti del vivere e inevitabilmente disorienta e destabilizza perché non è in sincronia con le nostre capacità di assimilazione. Tutto questo estende i suoi effetti anche sul nostro modo di approcciarci alle cose e di consumarle. Zygmunt Bauman ha scritto che il consumo è diventato il nostro antidoto all’inadeguatezza e alla frustrazione. E’ veloce e troppo spesso ormai superficiale il modo di informarsi, è veloce il tempo in cui un qualunque evento diventa notizia, occupa quasi tutto lo spazio e poi scompare, è velocemente approssimativa la nostra capacità di attenzione, di approfondimento, di analisi e approssimative e semplificanti diventano le fonti di informazione che quella stessa velocità rincorrono.

In questo comunque straordinario mondo di opportunità, che per lo più generano incertezze, vorremmo fermarci un attimo a riflettere insieme, non certo per trovarne un qualche antidoto, ma per provare almeno a guardare le cose da prospettive differenti e cercare lo spunto per una qualche direzione che ci aiuti ad essere un po’ più protagonisti consapevoli del nostro tempo e capaci di affrontare con meno timore il futuro .

Manca pochissimo
all'inizio del Festival

Giorni
Ore
Minuti

Partner istituzionali

Main sponsor

con il sostegno di